Hoi An, la città delle lanterne

Nel ripercorrere il nostro viaggio in Vietnam, è, finalmente, arrivato il momento di parlarvi della bellissima Hoi An, la città delle lanterne.

Questa piccola cittadina situata nel centro del paese, a poche ore di pullman da Huè, è sicuramente il luogo più magico e caratteristico che abbiamo visitato in Vietnam. 

Perché visitare l’incantevole Hoi An

Il suo centro storico, attraversato dal fiume Thu Bon, è un vero gioiello, tant’è che, nel 1999, è stato dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Il passato di importante centro portuale, infatti, ha lasciato un vasto patrimonio architettonico, composto da case di mercanti giapponesi, templi cinesi, abitazioni e magazzini del the.

Hoi An è, poi, famosa per le bellissime lanterne che illuminano le vie del centro ed il fiume: soprattutto, la sera, infatti, migliaia di luci colorate creano un’atmosfera magica davvero incredibile. 

Noi siamo arrivati in città verso sera, nel bel mezzo di un diluvio e, nonostante questo, in pochi secondi, ci siamo letteralmente innamorati di questa cittadina. L’atmosfera che si reaspira passeggiando per le vie del centro è veramente magica.

È vero che, rispetto ad altre città del Vietnam, forse, Hoi An si presenta come più turistica e meno genuina, ma i colori delle lanterne, le barchette colorate che popolano il fiume e gli edifici caratteristici la rendono un luogo unico, che non si può non visitare.

Hoi An, la città delle lanterne
Hoi An

Quando andare ad Hoi An?

In città di alternano due stagioni: quella piovosa e quella secca. Il periodo migliore per visitare Hoi An sono i mesi di febbraio, marzo ed aprile. I mesi più caldi, invece, sono quelli estivi. Il vero problema riguarda la stagione delle piogge, che va da settembre a dicembre. 

Noi abbiamo visitato la città proprio nel bel mezzo della stagione delle piogge e, pur essendo stati abbastanza fortunati, effettivamente le condizioni meteorologiche non hanno reso semplice la visita. Se ne avete la possibilità evitate questi mesi.

Hoi An, la città delle lanterne
Thu Bon

Quanto fermarsi ad Hoi An?

Siamo rimasti in città due giorni e mezzo, ma ci saremmo fermati volentieri almeno un giorno in più. Il tempo a disposizione è stato sufficiente per visitare bene il centro e  per raggiungere MySon, ma con più tempo a disposizione (ed in un diverso periodo dell’anno) avremmo trascorso volentieri una giornata al mare.

Hoi An, la città delle lanterne

Dove alloggiare?

La città non è particolarmente grande e qualsiasi Hotel nei dintorni del centro sarà comodo per visitarla. Tenete però conto del fatto che se, come noi, arrivate in pullman, questi non raggiungono alcune zone del centro. Potrete comunque prendere un taxi, a prezzi contenutissimi, per raggiungere il vostro hotel. 

Noi abbiamo alloggiato all’Acacia Heritage Hotel, situato a pochi passi dal centro. L’hotel ci è piaciuto molto: le stanze sono comode e curate, la posizione è veramente ottima e la colazione molto varia. Considerate che in città potrete trovare soluzioni valide a prezzi più bassi. Noi, in questo caso, avevamo deciso di coccolarci un po’ e di goderci la piscina.

Acacia Heritage Hotel, 54 Nguyen Tri Phuong , Cam Nam, Hoi An, Vietnam

Come spostarsi in città?

Noi eravamo in una posizione talmente comoda che ci siamo sempre spostati a piedi. Un’alternativa valida sono le biciclette, che, in molti casi, vengono fornite direttamente dall’hotel. 

Per quanto riguarda le escursioni fuori città o la prenotazione dei trasferimenti ad altre città o verso l’aeroporto potrete rivolgervi ad una delle tante agenzie che si trovano in centro. Noi ci siamo trovati molto bene ed abbiamo verificato che, così facendo, i prezzi proposti erano un po’ più bassi rispetto a quelli che avremmo pagato prenotando in hotel o su internet.

Hoi An, la città delle lanterne

Cosa fare ad Hoi An?

Hoi An è una cittadina estremamente pittoresca, di cui è impossibile non innamorarsi. Anche solo passeggiare per le vie del centro storico vale il viaggio. Qui, infatti, si concentrano tantissimi edifici interessanti da visitare, dovrete solo scegliere quali vedere. La sera, poi, i colori delle lanterne rendono l’atmosfera davvero magica e, dopo aver camminato tra i negozietti del centro, potrete cenare in uno dei tanti ristoranti, fare shopping al mercato notturno e concludere la serata facendo una piccola crociera su una delle tante barchette, illuminate da piccole lanterne, che navigano sul fiume Thu Bon. In città, inoltre, vengono organizzati diversi corsi di cucina vietnamita.

Ma anche i dintorni della città hanno tanto da offrire: il meraviglioso santuario di My Son o, nel giusto periodo, le spiagge, sono solo due delle alternative.

Se volete più informazioni sulla città e su cosa vedere una volta arrivati ad Hoi An, leggete qui!

Hoi An, la città delle lanterne
Ponte giapponese
Articolo creato 49

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto