Cosa vedere a Paphos e dintorni: scoprire Cipro Ovest

Quando si parla di Paphos non è possibile non pensare ai suoi suggestivi parchi archeologici, ai bellissimi mosaici colorati ed alle maestose Tombe dei re. Questa zona di Cipro è, infatti, incredibilmente ricca di storia. La parte Ovest di Cipro non è però solo questo: qui, potrete raggiungere zone in cui la natura sembra ancora incontaminata, come la meravigliosa penisola di Akamas. Ecco, quindi, cosa vedere a Paphos e nei suoi dintorni durante il vostro viaggio a Cipro.

La città di Paphos è divisa in Kato Pafos, città bassa, e Ktima, città alta. La prima è il centro turistico di Paphos ed è piena di locali, pensati per soddisfare le esigenze dei turisti inglesi, e negozi di souvenir. Se non ci si ferma apparenze, però, e ci si incammina tra le vie secondarie di Kato Pafos ci si può stupire davanti a bagni medievali, catacombe e piccole chiese. Al porto, attraversato un piccolo un ponte di pietra, si può, poi, accedere al castello di Paphos, ormai, abbandonato. Dal tetto è possibile ammirare il panorama sulla baia. Questa parte della città, ospita, inoltre, in meraviglioso sito archeologico di Nea Pafos.

A Kitma, invece, si respira tutt’altra atmosfera. I quartieri qui sono ricchi di edifici coloniali, in cui hanno sede istituzioni statali, ed ospitano la maggior parte dei musei cittadini. Quando visitate Paphos, non dimenticate di fare una tappa anche qui e di passeggiare tra le vie del centro storico di Paphos.

Cosa vedere a Paphos, Alessio e Mattia a Coral Bay

Cosa vedere a Paphos: i siti archeologici

Alla primo posto della nostra lista di attrazioni da vedere a Paphos non possono che esserci i suoi meravigliosi parchi archeologici. Noi vi consigliamo di vistarli presto al mattino o la sera al tramonto. Considerate che potrete restare all’interno dei siti anche dopo la chiusura delle biglietterie ed uscire, con calma, da uno dei tornelli. Passeggiare al tramonto, tra la vegetazione mediterranea, i resti di antichi edifici, nel totale silenzio, ascoltando il rumore del mare è veramente emozionante.

Tombe dei re

Queste tombe sono situate in una cornice estremamente suggestiva: sorgono, infatti, nel bel mezzo di un paesaggio desertico vicino al mare. Mentre passeggiate, al tramonto, in questo meraviglioso sito archeologico, fermatevi ad ascoltare il rumore delle onde, che si infrangono sugli scogli. 

Le tombe dei re, dichiarate Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, si compongono di una serie di sepolture e camere funerarie sotterranee, che venivano utilizzate dagli abitanti di Nea Pafos, in epoca ellenistica e romana.

In realtà, nonostante il nome, le tombe dei re di Paphos, chiamate così per la loro magnificenza, non furono mai usate per seppellire corpi di stirpe reale. 

Delle sette tombe riportate alla luce, la più interessante è la numero tre, caratterizzata da un atrio aperto sotto il livello del suolo e circondato da colonne. Le altre, invece, presentano nicchie nelle pareti utilizzate per la sepoltura delle salme.

Cosa vedere a Paphos, Tombe dei re

Parco archeologico di Paphos

Il principale parco archeologico di Paphos, Nea Pafos, occupa la parte occidentale della città bassa. Chi visita Paphos non può assolutamente perdersi questo sito meraviglioso e suggestivo. Fondata alla fine del IV secolo a.C. ed in origine circondata da mura massicce, Nea pafos era l’antica città di Paphos. Conquistata dai romani nel 58 a.C., continuo, per secoli, ad essere il centro politico ed amministrativo di Cipro.

Oggi, l’area è nota soprattutto per i complessi mosaici colorati che un tempo decoravano tre lussuose abitazioni presenti nel sito: la famosa Casa di Dioniso, la Villa di Teseo e la Casa di Aion. Ognuno di questi bellissimi mosaici racconta una storia, incentrata sui miti dell’antica Grecia. All’interno del parco potrete, inoltre, ammirare i resti dell’Agorà, dell’Askipieio e della fortezza medievale di Saranta Kolones.

Basilica di Hrysopolitissa

In questo sito sorgeva uno degli edifici religiosi più grandi di Paphos. Oggi, qui, sono, infatti, ancora visibili le fondamenta di un imponente basilica cristiana, che danno l’idea delle dimensioni dell’edificio originario, distrutto dalle incursioni arabe nel 653. 

Nel corso degli anni, in questo luogo, furono costruite altre chiese, fino ad arrivare ad Agia Kyriaki, oggi utilizzata per le funzioni anglicane, luterane e greco ortodosse.

Sul lato ovest della basilica, si trova la Colonna di San Paolo, dove si ritiene che il santo venne legato e frustrato. 

Cosa vedere a Paphos: Adonis Baths

Gli Adonis Baths si trovano a circa 2 chilometri dal villaggio di Kili nel distretto di Paphos. L’area è considerata una delle più belle di Cipro per la sua atmosfera raccolta.

Qui, scorre una cascata che, con il passare del tempo, ha eroso il terreno dando origine ad un piccolo lago. Durante l’estate, quando il caldo sull’isola si fa veramente insopportabile, è possibile raggiungere questo luogo per rinfrescarsi. 

Secondo la mitologia greca, i bagni di Adone erano il luogo in cui Afrodite e Adone trascorrevano la maggior parte del tempo insieme. Questo è anche il luogo in cui morì Adone, quando un uomo travestito da cinghiale lo ferì a morte.  Egli, prima di morire, tornò qui e morì tra le braccia del suo amore, Afrodite.  Non potendo sopportare di perdere il suo amato Adone, ella pregò che le fosse rimandato indietro ogni sei mesi.  

Noi, avendo visitato Cipro con un bambino in piena estate, non sopportavamo più il caldo di luglio, ci siamo, quindi, rifugiati in questo luogo. Qui, ci si può tuffare nel piccolo laghetto formatosi ai piedi della casata o rilassare all’ombra per qualche ora. È, però, vero che il biglietto d’ingresso è piuttosto caro (9 euro a persona) se rapportato a quello che vedrete. Noi ve lo consigliamo solo se proprio non riuscite più a resistere per il caldo della costa.

Cosa vedere a Paphos, Adonis Baths

Cosa vedere a Paphos: spiagge

La spiaggia municipale di Paphos non è veramente nulla di particolare. È formata da una serie di pontili in legno, scogli e tratti sabbiosi. Ad essere sincera, avendo trascorso la prima parte del nostro viaggio a Cipro nella parte orientale dell’isola, in cui le spiagge sono lunghe distese di sabbia bianca, lambita da acque trasparenti, il mare di Paphos non mi ha fatto impazzire.

Nei dintorni di Paphos è comunque molto bella la zona di Coral Bay, che presenta numerose spiagge accessibili da vari punti della strada. 

Molto particolare ed ancora incontaminata, è, poi, la penisola di Akamas, dove si trova la bellissima spiaggia di Lara, in cui nidificano le tartarughe. 

Infine, da Paphos, potrete raggiungere facilmente la famosissima spiaggia di Afrodite (Petra tou Romiou).

Se siete interessati al mare, leggete il nostro articolo sulle spiagge di Cipro.

Un luogo speciale a Paphos: Aphrodite’s Rock Brewery

Se, come noi, amate le birre artigianali, non potete perdervi questa bellissima birreria. La famiglia che la gestisce è originaria dello Yorkshire. Qui, potrete pranzare in un luogo tranquillo e fresco. I piatti sono tutti deliziosi! Potrete, inoltre, degustare cinque birre da 100 ml o partecipare ad una delle visite guidate.

Se non avete a disposizione un auto, è possibile raggiungere la birreria aderendo ad una delle escursioni organizzate. Sul luogo è, inoltre, presente uno shop dove acquistare le vostre birre preferite.

Cosa vedere a Paphos, Io e Mattia all'Aphrodite's Rock Brewery

La birreria si trova a 9 km a nord est di Paphos, dopo il bivio per Tsada, sulla B7 che porta a Polis.

Articolo creato 45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto