Vinales

Organizzare un viaggio a Cuba con i bambini

Cuba è un’isola magica, un luogo fuori dal tempo, una destinazione che entra pian piano nel cuore e che non si dimentica. Visitare Cuba con i bambini, poi, permette di apprezzarne anche il lato più umano: la dolcezza dei cubani con i più piccoli, infatti, è veramente incredibile! Ecco perché, in quest’articolo, vorrei darvi alcuni consigli per organizzare un viaggio a Cuba con i bambini.

Al nostro arrivo, quando a bordo di un taxi ci siamo diretti verso l’Avana, siamo stati subito travolti dall’atmosfera dell’isola: la musica, l’aria calda, le immagini del Che e la gentilezza del taxista ci hanno, immediatamente, accolto e trasportato in questo incredibile paese.

Cosa troverete in quest’articolo dedicato all’organizzazione di un viaggio a Cuba

Questo viaggio, tanto desiderato, si è rivelato ancora più bello di quanto potessimo immaginare! Pieno di emozioni, esperienze, sorrisi e persone che non dimenticheremo mai. 

Nonostante i cambiamenti degli ultimi anni, Cuba è ancora un mondo a se, un luogo in cui il tempo sembra scorrere diversamente. Qui, abbiamo avuto la fortuna di incontrare persone ospitali e gentili, che c’hanno accolto con calore e hanno trattato Mattia con dolcezza. 

Vediamo, allora, come organizzare un viaggio a Cuba.

Organizzare un viaggio a Cuba: l'Avana
Avana

Itinerario di viaggio a Cuba con i bambini

Per organizzare un viaggio a Cuba fai da te, non si può che partire dalla definizione dell’itinerario. Noi, avendo a disposizione 15 giorni per visitare Cuba, ci siamo concentrati sulla metà occidentale dell’isola (l’altra parte è, già, nella nostra lista dei viaggi da fare al più presto, perché Cuba è uno di quei luoghi che ti entrano nel cuore e ti mancano!). In questo modo siamo riusciti a visitare le diverse cittadine con calma ed anche a rilassarci. Tenete in considerazione che a Cuba i ritmi scorrono lenti e correre troppo non vi permetterebbe di godervi l’isola.

Siamo partiti dall’Avana, dove ci siamo fermati un giorno e mezzo, per poi dirigerci verso la Valle di Vinales, che è stata la nostra base per tre giorni (durante i quali, oltre a fare una meravigliosa escursione a cavallo, abbiamo raggiunto l’incantevole Cayo Jutias ed il suo mare che toglie il fiato). Dopo una sosta di una notte all’Avana, ci siamo diretti verso Cienfuegos, una cittadina di mare dove abbiamo trascorso un’altra notte. Da qui abbiamo raggiunto la pittoresca Trinidad, dove ci siamo fermati per due giorni. Ci siamo poi rimessi in viaggio verso il mare cristallino e la sabbia finissima di Cayo S. Maria e, dopo tre giorni, siamo ripartiti per  S. Clara, dove ci siamo fermati per un giorno e mezzo. Infine, siamo tornati all’Avana per gli ultimi due giorni del nostro viaggio.

Mappa con l’itinerario del nostro viaggio a Cuba

Consigli per chi vuole organizzare un viaggio a Cuba con i bambini

Documenti necessari per visitare Cuba

Se state organizzando un viaggio a Cuba da soli, vi starete chiedendo che documenti sono necessari per entrare nel paese.

Per entrare a Cuba, oltre ad avere un passaporto, con validità residua di almeno tre mesi, è necessario stipulare una polizza assicurativa, che copra eventuali spese mediche, e munirsi di un visto. 

Quest’ultimo si può ottenere recandosi al Consolato di Cuba in Italia (a Roma o a Milano) o rivolgendosi ad un agenzia. Noi, non avendo trovato nella nostra zona agenzie disposte a rilasciarci solo il visto, ci siamo rivolti alla Pampero Viaggi (www.pamperoviaggi.com) che per 25 euro (più le spese di spedizione) inoltra i visti direttamente a casa.

Internet a Cuba

Nell’organizzare il viaggio a Cuba considerate che sull’isola esiste una sola impresa telefonica, l’ETECSA, che gestisce tutti i servizi. Dato che le tariffe sono piuttosto elevate il nostro consiglio è quello di disabilitare i servizi di roaming e uso dei dati e acquistare una schedina “Nauta” (tarjeta), che fornisce login e password con cui connettersi. La scheda costa 2 CUC, dura 1 ora (utilizzabile in modo frazionato) e si i trova presso i centri ETECSA, alcuni spacci turistici (tiendas) ed alcuni hotel. È anche possibile acquistarla direttamente dai cubani, che ve la offriranno con un sovrapprezzo (in genere 1 CUC).

Per connettersi si devono raggiungere alcuni punti di interesse, quali le piazze principali, alcuni hotel ed altri luoghi pubblici (si trova on line l’elenco completo) e ci si deve collegare alla rete ETECSA.

Come organizzare un viaggio a Cuba con i bambini

Organizzare un viaggio a Cuba fai da te con i bambini non è per nulla difficile. Se i bambini con cui visiterete Cuba sono molto piccoli è, comunque, opportuno prepararsi un po’ prima della partenza.

Va considerato che a Cuba non si trova nessuno dei confort a cui siamo abituati: fasciatoi nei bagni pubblici, prodotti per l’infanzia, misure di sicurezza nelle diverse attrazioni, seggiolini in auto, ecc. 

Nel preparare i bagagli per un viaggio a Cuba, bisogna quindi considerare che non si potrà reperire facilmente quasi nulla: basti pensare che all’Avana non esiste un vero e proprio supermercato, ma solo piccoli negozietti, spesso sforniti. Durante il nostro viaggio, abbiamo visto un solo supermercato a Santa Clara, ma con interi scaffali completamente vuoti e pochissimi prodotti.

Per questo motivo, è meglio portare da casa tutto quello che si pensa potrà servire ai bambini, così da visitare Cuba in totale tranquillità.

Noi, prima di partire, abbiamo riempito uno zaino con pannolini, latte in polvere, biscotti e medicinali (paracetamolo, antibiotico, integratori e fermenti lattici). 

Noi, durante il viaggio, non abbiamo avuto nessun problema con il cibo, perché Mattia ha sempre mangiato con noi. Con un bambino in fase di svezzamento, sicuramente l’organizzazione del viaggio a Cuba sarebbe risultata un più difficoltosa. Considerate che abbiamo visto degli omogeneizzati solo nel resort di Cayo Santa Maria.

Per comodità, noi abbiamo preferito non portare il passeggino e l’abbiamo sostituito con un marsupio. Si è rivelata un’ottima scelta, anche perché a Cuba le strade asfaltate bene sono molto rare.

Per il resto, se si viaggia facendo diverse tappe, come abbiamo fatto noi, meno si porta e meglio è!

Organizzare un viaggio a Cuba: come spostarsi

Per spostarsi a Cuba le alternative sono: noleggiare un auto (scelta molto costosa dal momento che le auto a Cuba sono poche), noleggiare un’auto con un autista privato, gli autobus, i taxi privati ed i taxi collettivi.

Taxi collettivi: questa è stata la nostra scelta. Si tratta di Taxi che vengono condivisi con altri passeggeri. I vantaggi sono la possibilità di conoscere persone che stanno facendo un viaggio simile al vostro, la rapidità, se confrontati con gli autobus, ed il fatto che vi verranno a prendere direttamente dove alloggiate. 

Per prenotarli la cosa migliore è rivolgersi ai proprietari delle case particular che li contatteranno per voi. Nell’organizzare un viaggio a Cuba fai da te, si deve tenere in considerazione che, di solito, partono al mattino. 

Autobus Viazul: si prenotano on line, con un anticipo di un paio di settimane, o recandosi in stazione il giorno prima del viaggio. 

Autobus Transgaviota: si possono prenotare nelle agenzie di viaggio nelle città, nelle hall di alcuni hotel o nei villaggi.

Organizzare un viaggio a aCuba: uno dei coloratissimi taxi che abbiamo preso durante il nostro viaggio a Cuba fai da te
Uno dei nostri taxi

Dove alloggiare a Cuba?

Noi abbiamo deciso di evitare gli hotel e pernottare solo nelle case particular (molto simili ai nostri Bed and breakfast), così da vivere il più possibile un’esperienza autentica. 

Facendo questa scelta, avrete a disposizione una stanza con un bagno privato e vi verrà offerta una colazione, più o meno ricca. Inoltre, in alcuni casi, avrete la possibilità di cenare.  

Nell’organizzare un viaggio a Cuba, va considerato che, oltre alle case particular riconosciute dallo Stato, esistono anche case particular irregolari, che è meglio evitare. Le prime sono facilmente riconoscibili, grazie ad un’insegna posta all’ingresso. 

Se viaggiate con dei bambini piccoli e preferite definire i dettagli del vostro viaggio a Cuba già dall’Italia, potete utilizzare il sito www.amorcuba.com

In realtà, noi abbiamo potuto verificare che un viaggio a Cuba fai da te si può benissimo organizzare direttamente sul posto; anzi, andrebbe vissuto un po’ come viene! Noi stessi abbiamo cambiato i nostri programmi in più occasioni e non abbiamo avuto alcun problema.

Va considerato che a Cuba si trovano talmente tante case particular che è impossibile restare senza. Inoltre, i proprietari della casa in cui alloggerete avranno sicuramente i contatti di qualche sistemazione nella vostra tappa successiva e saranno ben felici di prenotare per voi. Questo vale anche per i taxisti e un po’ per tutti i cubani che incontrerete: sono tutti molto disponibili! 

Organizzare un viaggio a Cuba: noi davanti alla spiaggia di Cayo Santa Maria
Noi

Dove abbiamo alloggiato a Cuba

Avana

Hostal Peregrino Consulado(Consulado, 152 – 1er piso – entre Colón Trocadero. Centro Habana.Telef: +53 7 8601257 / +53 7 8618027). Per essere una casa particular è, in realtà, anche troppo organizzato e forse si perde un po’ di autenticità. Il pediatra che lo gestisce insieme alla moglie ha, infatti, ampliato la propria casa, creando una vera e propria rete di sistemazioni distribuite per la città. Abbiamo scelto questa soluzione perché, viaggiando con un bimbo piccolo, volevamo essere un po’ più tranquilli al nostro arrivo a Cuba e vista la grandissima disponibilità dei proprietari non ce ne siamo pentiti. Pulito, con un ottima colazione da gustare ad un grande tavolo, in compagnia degli altri ospiti, è un’ottima sistemazione. Il personale è sempre molto disponibile e potrete anche chiedere come organizzare le tappe successive del vostro viaggio a Cuba direttamente a loro.

Casa Aida (www.amorcuba.com). Una casa comoda e pulita, che forse spaventa un pochino all’arrivo perché situata nel vero centro dell’Avana, tra edifici fatiscenti e galli che cantano alle 4 del mattino. I proprietari sono, in ogni caso, molto disponibili ed, al mattino, viene servita una discreta colazione.

Vinales

Casa Cary, prenotata su www.amorcuba.com (Calle Sergio Dopico # 15A, Vinales 22400). Semplice e accogliente: esattamente quello che ci aspettavamo da una Casa Particular! Forse la migliore tra quelle in cui abbiamo alloggiato. Cary e la figlia sono state gentilissime (soprattutto con Mattia che hanno coccolato tantissimo), ci hanno aiutato ad organizzare le escursioni nella Valle di Vinales e preparto una buonissima cena a base di pesce. Anche la colazione, più semplice di quella servita all’Avana, era perfetta.

Cienfuegos

Los altos de Magdalena (Calle 25 # 5607, 55100 Cienfuegos). In una posizione centralissima, in un angolo della piazza principale ed a pochi passi da un fantastico ristorante. Viene messa a disposizione una stanza molto spaziosa, con un bagno ed una terrazza privata per soli 25 cuc a notte. La proprietaria è molto gentile e la colazione ottima!

Trinidad

Hostal la Gitana (Callejon del Aguacate 110, Trinidad 62600). Situato in una posizione abbastanza comoda per visitare la cittadina, pulito, con camere spaziose, una bellissima terrazza sul tetto ed una comoda area comune con bevande e biscotti. Molto buona anche la colazione.

Cayo Santa Maria

Starfish (Pedraplen A Sin Numero, 56200). Per alloggiare qui, putrtroppo, non ci sono alternative: va scelto uno dei vari resort (che noi non amiamo molto). Il nostro era nella media: esterni curatissimi, stanze spaziose e cibo a buffet (che lasciava un po’ a desiderare). 

Santa Clara

Hostal Marilin & Familia (Candelaria No. 116 / Aleman y Zayas, Santa Clara 50100). La casa più pulita di tutta la nostra vacanza a Cuba. Con una colazione ottima, servita in un  patio molto accogliente, e, per la prima volta, i pan cakes preparati al momento.

Speriamo con questo articolo di avervi aiutato ad organizzare un viaggio a Cuba fai da te. Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarci!

Articolo creato 55

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto